Archivi categoria: Donne in Voga

Sostegno dal basso per Donne in Voga

E’ passato un anno da quando il progetto Donne in Voga è iniziato, ricordo che già lo scorso dicembre eravamo al lavoro per organizzare le prime interviste cercando di persuadere le più disponibili tra le varie campionesse a prestarsi per la realizzazione del demo. Da subito ho avuto la sensazione di avere a che fare con una storia davvero importante, semplice e complicata allo stesso tempo. Chiedere a queste donne,  che  dalla più anziana alla più giovane coprono un arco di storia veneziana  di più di cinquant’anni, di mettersi davanti ad una telecamera a raccontare la propria vita è stata davvero una bella impresa.

Dopo il demo,  che abbiamo consegnato a marzo,  eravamo già tutti non solo un po’ più regatanti con l’ardente desiderio di vogare ma determinati e in qualche modo affamati di storie ed aneddoti. Con questo spirito, sempre insieme al prezioso e determinante supporto di Gloria Rogliani  e dei professionisti di Studio Liz abbiamo, non con qualche fatica, chiamato a raccolta tutte le campionesse e organizzato la produzione delle 15 interviste video.

Storie di voga che arricchiranno tutti gli amanti di Venezia e della sua laguna

Malgrado lo scandalo politico che ha investito la città e il vuoto istituzionale che ne è seguito, lesinando il più possibile i costi e salvati dalla passione che, tutte le donne che abbiamo incontrato, ci hanno trasmesso, siamo andati avanti con determinazione.  Siamo andati avanti nella produzione il più possibile. Lo abbiamo fatto per le campionesse, per il progetto, perchè la storia della voga veneta femminile è una bella storia e chiunque ascoltandola ne rimarrà arricchito.

Questo progetto non sarebbe stato possibile senza l’amicizia delle associazioni di voga, senza la disponibilità di tante persone che a vario titolo sono intervenute e sempre per passione, perchè le risorse per per questo progetto alla fine non sono mai arrivate.

Quote popolari per colmare il vuoto istituzionale

Eppure ce l’abbiamo fatta, abbastanza per chiedere a tutti voi che guarderete oggi o domani o in futuro questi video di aiutarci a chiudere la produzione dei ritratti di Donne in Voga.

Potete sostenere la produzione dei ritratti comprando una quota,  è  una chiamata a raccolta perchè da spettatori cogliate l’occasione di diventare protagonisti di questa storia. Ma oggi, che è la vigilia di Natale non corrucciamoci sul come, dove e perchè, sostenere collettivamente il progetto Donne in Voga: ritratti alle campionesse della Storica. Oggi guardate semplicemente il video frutto di un anno di produzione e se la storia che racconta vi farà sorridere, riflettere e innamorare se possibile ancora di più di Venezia e della Voga Veneta allora ci sentiremo tutti appagati e ricompensati.

Domani il Natale ci porterà anche il nuovo anno e insieme a voi se vorrete troveremo le risorse per sostenere questo progetto che meritava attenzione, impegno e visibilità ma non è ancora troppo tardi.

Buona visione!

L’unione fa la forza

Il maltempo degli ultimi giorni ha costretto gli organizzatori a rinviarlo per ben due volte ma l’Associazione VIVA Voga Veneta è determinata a non posticiparlo oltre. Per questo l’appuntamento del 5 agosto è imperdibile e le nuvole sono avvisate!
Il programma prevede la partenza da San Marcuola alle 18 con una sfilata in barca a remi a suon di musica  e arrivo a Murano.

Le associazioni veneziane sostengono il progetto Donne in Voga

VIVA presenterà la propria donazione di 2000 euro per il progetto DONNE IN VOGA, creato e portato avanti dall’associazione Maria Boscola. Il donato servirà per finanziare i primi due ritratti della serie dedicata alle campionissime della Storica, ovvero le prime classificate.

Una parte di storia femminile nel mondo della voga che VIVA ha voluto fortemente sostenere, per questo, e per la grande fiducia riposta nel progetto, si ringrazia con affetto questa associazione no profit che si presta con passione e disponibilità al mantenimento della voga veneta tradizionale e alla sua importante storia.
La tempestività di questa donazione ci fa inoltre sperare di poter presentare i primi due ritratti sul grande schermo durante la Regata Storica il 7 settembre.

Row Venice regala un sandalo per lezioni di voga a Murano

Le buone notizie però non sono finite, infatti grazie all’amicizia con ROW VENICE, l’associazione Maria Boscola può ora contare sulla disponibilità di un sandolo nell’isola di Murano. Verranno dunque organizzate lezioni di voga per neofiti e il provento sarà utilizzato per continuare a sostenere il finanziamento  del progetto DONNE IN VOGA e per crearne di nuovi.
Sarà di grande aiuto anche chi vorrà affiancarci nelle lezioni di voga, prendendovi parte o diffondendo la voce, oppure facendo una donazione personale attraverso il nostro servizio paypal.



Grazie a Giulia Stonecutter per averci aiutato nella redazione di questo articolo. Se volete partecipare come redattori del blog scrivete qui.

 [jetpack_subscription_form title=”Ti è piaciuto l’articolo?” subscribe_text=”Iscriviti al nostro blog  per ricevere via email i nostri aggiornamenti!” show_subscribers_total=”1″]

Regate storiche di ieri e oggi: le campionesse si raccontano

Un gruppo di ragazze forti, appassionate  di laguna e di sport,  tutte di età diverse ma tutte regatanti con alle spalle almeno una Bandiera rossa in Canal grande . Sono le protagoniste del progetto “Donne  in voga ” ritratti alle campionesse della storica”. Si sono riunite Venerdì 28 marzo per una cena organizzata da Polisportiva Venexiana, Studio Liz e AC Maria Boscola presso il patronato  adiacente la Chiesa San Giobbe una costruzione di fine ‘500,  un luogo bello e accogliete per la serata che da subito si è rivelata divertente  e carica  di aneddoti.

Le ragazze “vecie Regatanti” infatti  hanno dimostrato da inizio serata che si sanno divertire e tra i racconti, gli scherzi e le risate , a qualunque appassionato di voga si fosse trovato lì sarebbe parso  di sentire il rumore del remo che entra in Aqua !

 PROGETTO DONNE IN VOGA LE RIPRESE AL CORDINO!!

Uno scorrere di ricordi inevitabile vista l’occasione, alcune non si vedevano da molto tempo, flusso che ha rallentato solo quando alle campionesse è stato chiesto di fissarli sulla carta, uno degli scopi della riunione era infatti proprio quello di raccogliere informazioni sulle loro esperienze di voga , emozioni e ricordi particolari da utilizzare poi  per esaltare le particolarità di ciascuna regatante nel corso della realizzazione dei  loro video ritratti .

Presenti anche alcune delle partecipanti alle regate comunali della scorsa stagione che insieme alle veterane e hanno scherzato ,cenato con le tante portate, tra cui gli ottimi”  bigoli venexiani ” , e  infine dopo una trasferta nella palestra della polisportiva che comunica con il patronato ,anche  ballato sotto la guida di Gloria Rogliani,  che saltando e incitando ha caricato tutte di energia, e voglia di vogare tanto che alcune tra le più anziane a fine serata hanno proposto di organizzare una regata sprint tra di loro.

le protagoniste| donne in vogaAnche il progetto è al cordino a Maggio si parte con le riprese, pronti via!!

“Un rossetto che rotola in pagiol, vogar per secca per lasciar indietro il barchino con il marito al seguito, andar a “cogoi” ma per scherzo, vincere una regata con in sottofondo le distorsioni di un walkie-talkie, allenamento la sera con la luce legata  sulla proa…”

Sostenete la realizzazione dei video ritratti alle campionesse, fate una donazione all’Associazione Maria Boscola!




 

[jetpack_subscription_form title=”Ti è piaciuto l’articolo?” subscribe_text=”Iscriviti al nostro blog  per ricevere via email i nostri aggiornamenti!” show_subscribers_total=”1″]

Da Maria a Teresina: le donne e la voga veneta

Già a partire dal V secolo quando iniziarono a svilupparsi i primi insediamenti in laguna, si fa risalire la nascita della voga veneta che, come forse pochi altri esempi al mondo, si lega alla storia veneta e veneziana. Notamente le aree paludose della laguna vennero via via popolandosi per sfuggire la morsa dei barbari, lì dove prima forse solo transitavano pescatori.

La voga veneta per vivere ed abitare la laguna di Venezia

E’ così che,  di pari passo con il sorgere e il prosperare di Venezia, nasce, si affina e si perfeziona la voga veneta. Da principio dunque,  senza fama e senza gloria,  la voga diventa tanto per gli uomini quanto per le donne una condizione necessaria per vivere ed abitare la laguna di Venezia.

Da Maria Boscola a Teresina Boscolo, le donne e la voga veneta

Sono d’altra parte della fine del ‘700 le imprese di Maria Boscola da Marina di Chioggia da tutti riconosciuta come la capostipite della voga femminile. Porta il suo nome l’associazione culturale che nasce e si dedica proprio alla promozione della voga  femminile e che in questo blog cerca di raccontare una quotidianità e uno stile di vita sportivo, una passione che a vari livelli ancora esiste e persiste a Venezia.

Wettruderin Maria Boscola / Gem.1784 - Boat Racer Maria Boscola / Paint./ 1784 - Maria Boscola/Rameuse/Venise/Peint. 1784Di Maria Boscola si conoscono le vittorie come regatante  nel 1740 poi nel 1764 e 1767 e ora come allora i colori delle bandiere  sono gli stessi, a testimonianza di questo ci rimane un ritratto conservato al Museo Correr. Maria ha gareggiato anche nell’ultima regata a cui le donne hanno partecipato nel 1784 prima che sulla Serenissima calasse il sipario.

Il progetto Donne in Voga

La storia del progetto Donne in Voga nasce proprio da questo sottile filo storico che rende onore alle donne che nel corso della storia della città e di questa disciplina si sono avvicendate.  Per recuperare questa memoria storica e coglierne le costanti, per valorizzare ciò che è stato e serbarne memoria e per offrire a chi verrà un bagaglio di conoscenza che mai come per la voga è necessario per progredire nella tecnica, abbiamo cercato, incontrato e intervistato 15 regatanti, campionesse della regata storica dal 1953 ad oggi.

E come la sua ava, anche Teresina Boscolo ha dovuto interrompere la sua esperienza come regatante, siamo nel 1954 e le donne che vogano e gareggiano subiscono uno stop forzato che durerà fino al 1977.

E crecando di scoprire il perchè di questo gesto è iniziata la nostra avventura con Donne in Voga.

 

Arrivano le borse in voga!

Sono arrivate le borse… in voga! Il 9 marzo, tutte le partecipanti della regata riceveranno l’esclusiva borsa di Donne in voga.

Ma anche chi non vogherà, potrà aggiudicarsi la borsa di tendenza della primavera in Laguna, con un piccolo contributo di 10 euro destinato all’Associazione Maria Boscola.

Borsa Donne in VogaInfo: info@popeprova.it

[jetpack_subscription_form title=”Ti è piaciuto l’articolo?” subscribe_text=”Iscriviti al nostro blog  per ricevere via email i nostri aggiornamenti!” show_subscribers_total=”1″]